12 novembre 2013

Kool Herc spiega il Merry-Go-Round (video sottotitolato in Italiano)




Oggi è un giorno speciale per la Cultura Hip Hop, infatti il 12 novembre del 1974 è riconosciuto come il giorno della nascita della stessa, oggi è il suo 39° compleanno. Inoltre sempre quest'anno si festaggiano il 40° anniversario dal primo party di DJ Kool Herc l'11 agosto del 1973 al 1520 Sedwick  Ave., e il 40° anniversario della nascita dell'Universal Zulu Nation 12 novembre 1973. Inoltre novembre è il mese dell'Hip Hop come ricordato dall'ottavo principio della dichiarazione di pace dell'Hip Hop. Vi proponiamo quindi  per questa occasione speciale degli estratti da un'intervista di Dj Kool Herc e il video sottotitolato in italiano dove lui stesso spiega la nascita del Break Beat.

§


Il party ebbe luogo nella stanza di ricreazione del palazzo dove vivevano al 1520 Sedwick Ave nella parte Ovest del Bronx. Sarebbe stato il primo party di tanti altri che avrebbero organizzato. Cindy era un'imprenditrice in erba e una brava organizzatrice, in pratica la spina dorsale che mise insieme questa festa. Suo fratello Clive era un tipo atletico, grosso e un po' goffo, che aveva accesso alle casse di suo padre, ed a una buona collezione di immacolati dischi funk del suo idolo James Brown.

Fu durante questo party che Clive iniziò a fare il deejay e a prendere il soprannome di Herc, abbreviazione di Hercules. Fu sempre durante questa festa che introdusse questo nuovo stile di deejaying che avrebbe avuto una grande presa e in seguito cambiato il mondo. Quello che fece fu far ripetere i breakdown di percussioni delle canzoni più popolari. Scoprì così che la folla reagiva positivamente quando suonava i pezzi di batteria, così poi invece di aspettare l'esecuzione di tutta la traccia, andava direttamente al breakdown. Herc avrebbe poi trovato anche un sistema per mantenere questi breaks di percussioni estese all'infinito: battezzò la tecnica Merry-Go-Round. Più tardi noi avremmo chiamato questi breakdown di percussioni breakbeats.

Mentre questi breakbeats suonavano, Herc era solito parlare sopra la musica in uno stile che assomigliava al toasting della sua patria nativa, la Jamaica. Questo toasting all'inizio consisteva semplicemente in dediche e ringraziamenti alle persone provenienti da quartieri rivali, questo era un modo per farli sentire importanti e emceeing.
mantenere un clima pacifico. Queste dediche iniziarono a trasformarsi in semplici rime che alla fine degli anni 70 vennero chiamate

Mentre questi breakdown di percussioni funky suonavano attraverso queste casse enormi a colonna di Herc, che poi vennero soprannominate Herculoids, giovani ballerini avrebbero iniziato a colpire il dancefloor facendo nuovi movimenti ispirati a James Brown e
alle mosse di karate di Bruce Lee. Questi ballerini sarebbero stati conosciuti come b-boy e b-girls.


video



Gli abbiamo chiesto a com'è stato il primo party. Suonò i Rare Earth e fu sorpreso nel vedere che ci fossero ragazzi bianchi che potevano suonare delle jam così fisse. Imparando presto che la musica funk non ha colori… aggiunse che suonò James Brown e parlò sul disco che prese nel 1969 dopo che suo padre lo portò a vedere James Brown e Bootsy Collins in concerto.

Herc rimase scioccato nel vedere James Brown suonare con 2 batteristi. Uno di questi 2 batteristi era Clyde Stubblefield, l'uomo che ci ha dato il classico break beat "Funky Drummer".
Herc avrebbe incontrato 30 anni dopo Stubblefield a Madison, durante il primo programma Hip Hop del Wisconsin, organizzato dall'Università del Winsconsin. 

 Dopo che Herc finì il suo concerto, provai a convincerlo a dare la lista delle canzoni che suonò quella notte… In questi 25 anni che ho conosciuto Herc, ogni volta che glielo ho chiesto, mi ha risposto di no… Anche il pionieristico deejay Disco Wiz, ha detto che non è mai stato in grado di ottenere da Herc la sua selecta.. Però noi sappiamo una cosa.. Quella notte suonò Rare Earth



Durante la nostra intervista Herc ha sottolineato che non vi è Hip Hop senza James Brown…


[Source:http://hiphopandpolitics.com/2013/08/09/kool-herc-we-are-still-here-on-the-block-as-hip-hop-turns-40-this-weekend/
Traduzione testo Ahki Smogone
Traduzione e sottotitoli video Ahki Flavio & Ahki Snap]

Articoli correlati:
 Intervista ad Afrika Bambaataa e Donald D (Inglese, sottotitoli in italiano)
 La Zulu Nation risponde alle insinuazioni su Kool Herc
 Conferenze | Mastafive "Universal Zulu Nation e Infinity Lessons" Athena Street Festival 2012
 Afrika Bambaataa parla dell'origine della parola Hip Hop e dei principi della UZN alla Cornell University
 Come i Ghetto Brothers influenzarono l'Hip Hop (Intervista a Benjy Melendez)
 Libri Hip Hop | "FUNK la musica, il ritmo e i protagonisti" 
 Hip Hop Declaration of Peace | La Dichiarazione di Pace dell'Hip Hop
 Le gang di New York e la loro eredità

Nessun commento:

Posta un commento

Ti ricordiamo che ogni commento privo di firma e/o contenente messaggi di odio, insulti, apologia di reato/violenza, non verrà pubblicato.

Ti invitiamo ad evitare l'uso delle parole in MAIUSCOLO e mantenere un atteggiamento cordiale e propositivo.

Grazie per la partecipazione.
Enjoy the discussion.
---
UZN Italia Staff